Localizzazione

Cosa c'è qui vicino a Sanarica?



Altre Informazioni

  • Siti Archeologici:
  • Abitanti: <5000
  • Localizzazione: Entroterra
  • Localita:
  • Sanarica:

    Fate tappa nel piccolo borgo di Sanarica, porta di ingresso per la fitta trama di insediamenti che caratterizza il Salento sud-orientale. Al confine del Parco dei Paduli, di cui segna l’estremo limite, la sua semplicità e la sua accoglienza vi sorprenderanno. ...

    Leggi tutto

    ...   Chiese, cappelle e piccolo borgo. Sanarica vi accoglierà con le numerose testimonianze monumentali della sua religiosità. Il paese è ricco di chiese, cripte e cappelle, costruite tra l’XI e il XVIII secolo. In primo luogo va menzionata la Chiesa Madre della Madonna dell’Assunta, con la suggestiva cripta sottostante interamente scavata nella roccia. La cripta, per lungo tempo rimasta interrata, è riemersa negli anni Sessanta del Novecento grazie a una campagna di scavi che ha riportato alla luce il suo impianto a croce greca, le sue tre navate e i resti di affreschi risalenti ai sec. XI-XIII. Seguono altri edifici religiosi: il Santuario della Madonna delle Grazie; la Chiesa dell’Annunziata; la Cripta di San Salvatore, risalente al XI secolo, che conserva sulle pareti iscrizioni in greco e latino e tracce di un ciclo pittorico eseguito tra l'XI e il XIII secolo; le Cappelle di San Domenico e di Santa Maria di Pompignano. Il Palazzo Ducale, ingentilito nel corso dei secoli attraverso interventi successivi, si farà notare grazie al suo solido e possente portale bugnato. Il territorio di Sanarica custodisce tracce della colonizzazione pre-romana: il Menhir Croce di Sant’Antonio e un piccolo dolmen denominato Bellischi, sito nell’omonima località a sud-ovest dell’abitato, in direzione di Botrugno.  Il paesaggio delle doline. Il paesaggio rurale di Sanarica è diviso in due grosse porzioni: a est dell’abitato, la campagna è dominata dai boschi di olivo; a ovest prevale il seminativo e le ampie distese nude dell’altopiano su cui è adagiato il borgo. Il territorio è caratterizzato dalla presenza di doline, avvallamenti del terreno dovuti all’azione del carsismo. Le doline di Sanarica sono in genere di piccole dimensioni e dai contorni graduali, fatta eccezione per la cosiddetta “Conca Sant'Angelo” che costituisce una delle principali attrattive della zona. I vasti oliveti del Parco dei Paduli. Il Parco Agricolo Multifunzionale dei Paduli è sorto nel 2003 con il coinvolgimento dei comuni di San Cassiano, Supersano, Surano, Nociglia, Botrugno, Scorrano, Sanarica, Giuggianello, Maglie e Muro Leccese. Questi insediamenti appartengono infatti a un ambito territoriale fortemente interconnesso per caratteristiche fisiche, urbane, ambientali, paesaggistiche e storico-culturali che prende il nome di Paduli, immensa distesa di ulivi secolari anticamente occupata dal Bosco Belvedere. Il progetto di una rete tra i centri del Parco si pone l’obiettivo della salvaguardia e della valorizzazione del territorio, anche attraverso la difesa della funzione economica dell’attività agricola, che ha segnato la storia dello sviluppo economico di quest'area.

    Chiudi

  • Polizia Indirizzo: Via Roma
  • Polizia Telefono: 0836343218
  • Infopoint Indirizzo: Via Piave, 25
  • Infopoint Telefono: 0836342946


Fate tappa nel piccolo borgo di Sanarica, porta di ingresso per la fitta trama di insediamenti che caratterizza il Salento sud-orientale. Al confine del Parco dei Paduli, di cui segna l’estremo limite, la sua semplicità e la sua accoglienza vi sorprenderanno.   







Mappa/Localizzazione

Vedi sul tuo navigatore!

Sanarica Per te

Fate tappa nel piccolo borgo di Sanarica, porta di ingresso per la fitta trama di insediamenti che caratterizza il Salento sud-orientale. Al confine del Parco dei Paduli, di cui segna l’estremo limite, la sua semplicità e la sua accoglienza vi sorprenderanno.