Localizzazione

  • Comune: Poggiardo
  • Provincia: Lecce
  • Indirizzo: Via A. Moro, 1
  • Telefono: 0836909811
  • Fax: 0836909863
  • E-mail: comune@comune.poggiardo.le.it
  • Web www.poggiardo.com

Cosa c'è qui vicino a Poggiardo?



Altre Informazioni

  • Siti Archeologici:
  • Abitanti: 5000<10000
  • Localizzazione: Entroterra
  • Localita:
  • Poggiardo:

    Centro di cultura, d’arte e di antichissimi insediamenti di origine messapica, Poggiardo è una ridente cittadina adagiata sui rilievi dell’omonima Serra. A lungo dominata dalla famiglia dei baroni e dei duchi Guarini, che hanno contribuito a ingentilirne l’abitato con i loro palazzi, gode del pregevole paesaggio rurale circostante e della vicinanza ad alcune tra le più belle città costiere del Salento. Vaste, la sua frazione, ne completa il profilo con il fascino antico del mito...

    Leggi tutto

    ... fondativo.  La religiosità delle chiese, la nobiltà dei palazzi. Il centro storico di Poggiardo è esteso, denso e ben conservato. Noterete le numerose chiese, in primo luogo la centralissima Chiesa Matrice di San Salvatore sul cui portale è collocato lo stemma civico raffigurante un bovino al pascolo, che allude alla fertilità del territorio. Tra le strutture architettoniche di maggior pregio vanno segnalati Palazzo Guarini e Palazzo Episcopo con l’omonima Villa. Il primo, eretto verso la metà del XIV secolo e per lungo tempo dimora feudale, è stato ingentilito nel corso del tempo con l’abbattimento dell’originaria torre difensiva e con la colmata del vecchio fossato, trasformato in un agrumeto attorno al XVII secolo. Palazzo Episcopo, risalente alla seconda metà del XVIII secolo, si sviluppa su due piani e presenta una lunga balconata laterale scandita da affacci e ingressi regolari. Attigua al Palazzo è l’omonima Villa oggi di proprietà comunale, dotata di un incantevole giardino con vialetti e piante mediterranee. Chiudono la rassegna dell’architettura civile di Poggiardo il Sedile e l’attigua Torre dell'Orologio, costruiti nella prima metà dell’Ottocento. In cima alla Torre, una campana scandisce le ore durante il giorno. Una campagna tutta da scoprire, a pochi passi dal mare. Il paesaggio rurale circostante si distribuisce sui pendii della Serra di Poggiardo, con le sue numerose caratteristiche: l'area faunistico-venatoria in località Falca, le imponenti leccete di contrada Reali e la pineta denominata “Mari Rossi”, la macchia mediterranea frammista alle immense distese di ulivi secolari e, infine, le grotte carsiche, tra cui spicca la “Grotta delle Meraviglie”. Notevole è poi la Cripta di Santa Maria degli Angeli che, per tutto il Basso Medioevo, fu un importante luogo di culto. Progressivamente abbandonata, fu riscoperta nel 1929 e i suoi numerosi affreschi sono stati rimossi, restaurati e collocati in un museo ubicato nella Villa Episcopo.   A testimonianza di un’eredità culturale e paesaggistica dal valore inestimabile, le antiche costruzioni in pietra a secco, come muretti, “lamie”, “pajare”, “furnieddhi” e “curtali”, impreziosiscono la campagna di Poggiardo e di Vaste. Nella Galleria di architettura rurale troverete una ricognizione delle principali tecniche costruttive basate sull’utilizzo della pietra a secco, con l’obiettivo di promuoverne la conoscenza e favorirne la conservazione.

    Chiudi

  • Descrizione Info Frazioni:

    All’ombra dei Messapi: Vaste. Il territorio ospita l'importante insediamento messapico di Vaste, conosciuto in passato come Bastae o Baxta. Fondato con molta probabilità nel VII secolo a.C., fu distrutto da Guglielmo il Malo nel 1147. Oggi la frazione è contigua all’abitato di Poggiardo e presenta diverse bellezze architettoniche, come il Palazzo Baronale, la Chiesa Madre di Santa Maria delle Grazie e la Cripta dei “Santi Stefani”, scavata nella roccia e così definita per l’esistenza di una triplice raffigurazione del santo. Il suo importante sito archeologico, denominato Parco dei Guerrieri, attrae moltissimi visitatori e include i resti dell'antica città messapica di Vaste. Si tratta di circa 20 ha distribuiti tra...

    Leggi tutto

    ... l'abitato di Vaste e le Serre di Poggiardo. Gli scavi hanno riportato alla luce le antiche mura e le fondamenta dell’abitato messapico. 

    Chiudi

  • Polizia Indirizzo: Via Santa Caterina, 4
  • Polizia Telefono: 0836901819
  • Infopoint Indirizzo: Piazza del Popolo, 19
  • Infopoint Telefono: 0836909543
  • Infopoint Web: www.poggiardo.com
  • Proloco Indirizzo: Piazza del Popolo, 19
  • Proloco Telefono: 0836909543


Centro di cultura, d’arte e di antichissimi insediamenti di origine messapica, Poggiardo è una ridente cittadina adagiata sui rilievi dell’omonima Serra. A lungo dominata dalla famiglia dei baroni e dei duchi Guarini, che hanno contribuito a ingentilirne l’abitato con i loro palazzi, gode del pregevole paesaggio rurale circostante e della vicinanza ad alcune tra le più belle città costiere del Salento. Vaste, la sua frazione, ne completa il profilo con il fascino antico del mito fondativo. 

All’ombra dei Messapi: Vaste. Il territorio ospita l'importante insediamento messapico di Vaste, conosciuto in passato come Bastae o Baxta. Fondato con molta probabilità nel VII secolo a.C., fu distrutto da Guglielmo il Malo nel 1147. Oggi la frazione è contigua all’abitato di Poggiardo e presenta diverse bellezze architettoniche, come il Palazzo Baronale, la Chiesa Madre di Santa Maria delle Grazie e la Cripta dei “Santi Stefani”, scavata nella roccia e così definita per l’esistenza di una triplice raffigurazione del santo. Il suo importante sito archeologico, denominato Parco dei Guerrieri, attrae moltissimi visitatori e include i resti dell'antica città messapica di Vaste. Si tratta di circa 20 ha distribuiti tra l'abitato di Vaste e le Serre di Poggiardo. Gli scavi hanno riportato alla luce le antiche mura e le fondamenta dell’abitato messapico. 







Mappa/Localizzazione

Vedi sul tuo navigatore!

Poggiardo Per te

Centro di cultura, d’arte e di antichissimi insediamenti di origine messapica, Poggiardo è una ridente cittadina adagiata sui rilievi dell’omonima Serra. A lungo dominata dalla famiglia dei baroni e dei duchi Guarini, che hanno contribuito a ingentilirne l’abitato con i loro palazzi, gode del pregevole paesaggio rurale circostante e della vicinanza ad alcune tra le più belle città costiere del Salento. Vaste, la sua frazione, ne completa il profilo con il fascino antico del mito fondativo.