Localizzazione

  • Comune: Martano
  • Provincia: Lecce
  • Indirizzo: Piazzetta Matteotti, 11
  • Civico: 11
  • Telefono: 0836575272
  • Fax: 0836572347
  • E-mail: comune.martano@pec.rupar.puglia.it
  • Web www.comune.martano.le.it


Altre Informazioni

  • Siti Archeologici:
  • Abitanti: 5000<10000
  • Localizzazione: Entroterra
  • Localita:
  • Martano:

    Martano vi accoglierà nel cuore della Grecìa Salentina, un’area che ha mostrato a lungo i segni dell’influenza greco-bizantina. Nella sua lingua e nella sua cultura la città custodisce infatti i segreti della tradizione “grika”. Se le sue numerose strutture architettoniche, collocate nel centro storico, offrono splendidi esempi del barocco minore, la presenza di strutture megalitiche e il sito archeologico di Apigliano testimoniano l’antico insediamento di questi...

    Leggi tutto

    ... territori.   Nel cuore pulsante della Grecìa salentina. Visitare Martano significa andare alla scoperta di uno degli insediamenti più importanti dell’antica Terra d’Otranto, collocato all’incrocio delle vie di comunicazione Otranto-Gallipoli e della via romana Traiano-Calabra che collegava Brindisi a Otranto. Il centro storico della città, denominato “Terra”, è incastonato nel solco dell’antico fossato ed è presidiato dal possente Palazzo Baronale con il suo torrione di guardia. Sito nel centro città, tra le due principali piazze dell’Assunta e dei Caduti, il Palazzo Baronale ha perduto la sua originaria struttura aragonese, modificata e ingentilita da rifacimenti successivi. Oggi il castello ospita diversi bar e negozi oltre a numerose mostre, manifestazioni, incontri e proiezioni all’aperto. Dalla Terra diramano le antiche arterie di comunicazione e sono ancora riconoscibili i primi quartieri extramurali: la Catumeréa, la Zaca, la Giudecca, lo Spirito Santo. Percorrendo le vie Catumeréa e Zaca vi imbatterete nelle “case a corte”: strutture insediative tradizionali tipiche della Grecìa Salentina, composte da diverse unità abitative affacciate su uno stesso cortile cui si accede attraverso un unico portale. Nei vecchi quartieri troverete anche i numerosi palazzi gentilizi della città, costruiti tra il XVII e il XIX secolo secondo lo stile barocco o il gusto eclettico. Si segnalano, tra gli altri, Palazzo Andrichi, Palazzo Pino, Palazzo Moschettini, Palazzo Corina e il Palazzo dei duchi Castelmola, oggi di proprietà comunale. Alle pendici della città, in direzione nord-est, giace il Monastero di Santa Maria della Consolazione, costruito alla fine del Seicento. La struttura ospita laboriosi monaci dell’ordine cistercense sin dal 1926. Da non perdere le tante leccornie che la liquoreria mette a vostra disposizione, tra cui le diverse varietà di miele, di tisane e di digestivi ricavati dalla sapiente conoscenza delle erbe officinali.   L’antico casale di Apigliano e il richiamo della Specchia. Il territorio di Martano è ricco delle testimonianze del suo antico insediamento. Rovine e monumenti megalitici, come la Specchia dei Mori e il Menhir Santu Totaru (il più alto menhir della Puglia con i suoi 4,70 m), caratterizzano tanto la città quanto la campagna. Dirigendosi verso ovest, fuori dall’abitato, si trova l’antico villaggio medievale di Apigliano. Fondato da bizantini e abitato sotto gli angioini, fu abbandonato tra il XIV e il XVI secolo e oggi dopo una campagna di scavi costituisce l’omonimo parco archeologico, in prossimità del quale giace anche la chiesetta sconsacrata un tempo intitolata a San Lorenzo. In direzione del capoluogo, a poche pedalate da Martano, giace la Specchia dei Mori: ai vostri occhi apparirà come un enorme cumulo di pietre calcaree. Questo ammasso circolare, che probabilmente costituisce i resti di un antico luogo di avvistamento, è denso di mistero: in griko la specchia è chiamata “segla u demonìu” e la tradizione del posto vuole che il diavolo vi nasconda il suo enorme tesoro. Il piacere della ricettività, tra natura, cultura e antichi sapori. Martano ha sviluppato nel corso degli ultimi decenni una notevole capacità ricettiva, basata sul recupero sapiente del centro storico e delle masserie rurali nel rispetto delle tipologie e delle tecniche costruttive del “genius loci”. All’ombra della Chiesa matrice della Madonna dell’Assunta, immersi nei boschi d’olivo o assorti nella pianeggiante distesa del “Foderà”, tutti i vostri sensi saranno coinvolti in un’intrigante scoperta: dalle pietanze tradizionali, al relax, alla musica, alle escursioni. Una città viva. Martano vi accoglierà con le sue festività laiche e religiose e le numerose occasioni di incontro. Antichissima è la Fiera della Candelora, organizzata in febbraio secondo le consuetudini della civiltà contadina che proprio a inizio primavera si preparava al ritorno al duro lavoro dei campi. Le celebrazioni in onore di Santa Maria Assunta e di San Domenico, protettori della città, vi introdurranno invece in un’atmosfera unica, costruita sull’intreccio di identità, tradizione e culto religioso. A ferragosto, sotto la potente luce delle luminarie, curiosando tra una bancarella e l’altra, sarà possibile assistere alla consegna delle chiavi della città ai santi patroni. Ogni anno, in agosto, Martano ospita una tappa del concerto itinerante de La Notte della Taranta: tra musica, ballo e folklore si consuma uno dei più importanti eventi dell’estate salentina che richiama centinaia di migliaia di visitatori. 

    Chiudi

  • Polizia Indirizzo: Piazzetta Matteotti, 12
  • Polizia Telefono: 0836575288
  • Proloco Indirizzo: Via Calimera, 40
  • Proloco Telefono: 0836571750


Martano vi accoglierà nel cuore della Grecìa Salentina, un’area che ha mostrato a lungo i segni dell’influenza greco-bizantina. Nella sua lingua e nella sua cultura la città custodisce infatti i segreti della tradizione “grika”. Se le sue numerose strutture architettoniche, collocate nel centro storico, offrono splendidi esempi del barocco minore, la presenza di strutture megalitiche e il sito archeologico di Apigliano testimoniano l’antico insediamento di questi territori.  







Mappa/Localizzazione

Vedi sul tuo navigatore!

Martano Per te

Martano vi accoglierà nel cuore della Grecìa Salentina, un’area che ha mostrato a lungo i segni dell’influenza greco-bizantina. Nella sua lingua e nella sua cultura la città custodisce infatti i segreti della tradizione “grika”. Se le sue numerose strutture architettoniche, collocate nel centro storico, offrono splendidi esempi del barocco minore, la presenza di strutture megalitiche e il sito archeologico di Apigliano testimoniano l’antico insediamento di questi territori.