Localizzazione

  • Comune: Squinzano
  • Provincia: Lecce
  • Indirizzo: Via G. Matteotti, 24
  • Civico: 24
  • Telefono: 08321778900
  • Fax: 0832785412
  • E-mail: info@comune.squinzano.le.it
  • Web www.comune.squinzano.le.it

Cosa c'è qui vicino a Squinzano?



Altre Informazioni

  • Siti Archeologici:
  • Abitanti: >10000
  • Localizzazione: Costiero
  • Localita:
  • Squinzano:

    Popoloso centro del Salento settentrionale, Squinzano si caratterizza per la suggestività del suo centro storico e la bellezza del suo contado, dominata dalla vite e dall’olivo e costellata di chiesette rupestri. La cucina tipica, il mare di Casalabate e la vicinanza a Lecce completeranno un’offerta di notevole rilievo, lontano dalla confusione dei grandi centri turistici del...

    Leggi tutto

    ... Salento. Squinzano, la bellezza delle chiese, la nobiltà dei palazzi. Le origini di Squinzano risalirebbero, secondo la tradizione, al centurione romano Quinzio che governò queste terre dopo la conquista del Salento. Alcuni studi collocano invece l'origine di Squinzano nel Medioevo, con la distruzione da parte dei normanni di alcuni casali circostanti, tra cui quello di Valesio. Compresa nella Contea di Lecce dal XI al XV secolo, la città fu nel corso del tempo dominio degli Orsini del Balzo, di Ferdinando I d'Aragona, dei Brancaccio, degli Erriquez e dei Filomarini. Una piacevole passeggiata nel centro abitato di Squinzano e un'escursione nelle sue suggestive campagne vi consentiranno di scoprire i tesori artistici e architettonici nascosti tra vicoli, corti e strade vicinali. Di notevole interesse sono anzitutto le moltissime chiese presenti in città. Tra le più importanti vi sono la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, la Chiesa Madre di San Nicola e la Chiesa della Santissima Annunziata. La Chiesa di Santa Maria delle Grazie, costruita nella seconda metà del Cinquecento, fu successivamente affidata ai Frati Minori Riformati che edificarono l'attiguo convento. Passato sotto la gestione di altri ordini monastici, il complesso fu poi trasformato in ospedale e ricovero di mendicità. La Chiesa Madre di San Nicola, edificata tra Cinque e Seicento, sorge sui resti di un'antica cripta basiliana dedicata a San Nicola. La facciata, con caratteristiche rinascimentali, presenta decorazioni simili a quelle del Sedile di Lecce, un portale d'ingresso finemente decorato e due rosoni riccamente scolpiti sugli ingressi laterali. Il campanile a pianta quadrata, ultimato attorno alla metà del Seicento, si innalza su cinque piani per un'altezza di oltre 30 m. La Chiesa della Santissima Annunziata, costruita nella prima metà del Seicento, è caratterizzata da un elegante portale barocco sormontato da un decoratissimo finestrone rettangolare. L'interno, a navata unica con volta a botte lunettata, è ricchissima di opere d'arte. Tra i più antichi edifici religiosi di Squinzano vi sono la Chiesa del Crocifisso e la Chiesa di Mater Domini: la prima, edificata tra il XII e il XIII secolo, è stata la prima chiesa del paese, sebbene abbia poi subito nel corso dell'Ottocento una radicale ristrutturazione; la seconda, sede dell'omonima parrocchia, è caratterizzata dal portale barocco finemente decorato e da un campanile a vela nel quale si apre una bifora ospitante le campane. Interessanti sono anche le seicentesche cappelle di San Giuseppe Patriarca, di San Salvatore, di Sant'Elisabetta e di San Leonardo. O ancora la settecentesca Cappella della Madonna dei Martiri, un piccolo edificio caratterizzato da un semplice prospetto a capanna e un campanile a vela. Se dagli edifici religiosi ci si sposta all'architettura civile e militare, da non perdere sono alcune sontuose dimore nobiliari e gentilizie come ad esempio i palazzi De Castro ed Enriquez, che si affacciano nella centrale Piazza Plebiscito; la raffinata Villa Cleopazzo, di proprietà comunale; Palazzo Pedone in via Gianfilippe; Palazzo De Filippis in via Lecce; Palazzo Margilio-Motolese in via Chiesa; l'ampia residenza Frassaniti in Piazza Vittoria. Apprezzabile è anche il Monumento ai Caduti, opera del celebre scultore leccese Eugenio Maccagnani. Un territorio ubertoso che si affaccia sul mare. Il paesaggio rurale di Squinzano è costellato dalle sue molte chiese rupestri, immancabilmente scortate da folti uliveti. A sud-ovest, a breve distanza dal centro abitato, si incontra il Convento di Sant'Elia, un tempo importante grancia basiliana, dove vennero gettate le fondamenta di un convento e di una chiesa dedicata al santo. Volgendo a ovest, ci si imbatte nella trecentesca Chiesa della Madonna dell'Alto, che conserva ancora oggi, nonostante il suo stato di abbandono, l'antica forma basilicale. Molto suggestive sono inoltre le masserie fortificate “La torre di Moretto” e “Li Saetti”, oltre alla stupenda Abbazia medievale di Santa Maria di Cerrate, compresa tra Squinzano e Casalabate ma ricadente nel territorio di Lecce. Chiude la rassegna la località marina di Casalabate, divisa tra i comuni di Squinzano e Trepuzzi. Piccolo borgo di pescatori caratterizzato da numerosi stabilimenti balneari, dista circa 22 km da Lecce e annovera solo 400 abitanti. L'insediamento è sorto attorno alla cinquecentesca Torre Specchiolla, la quale si struttura su due piani, divisi da un marcapiano, e presenta una serie di dodici caditoie.

    Chiudi

  • Polizia Indirizzo: Via G. Matteotti, 10
  • Polizia Telefono: 0832789071
  • Proloco Indirizzo: Via Frassaniti, 24
  • Proloco Telefono: 0832786779


Popoloso centro del Salento settentrionale, Squinzano si caratterizza per la suggestività del suo centro storico e la bellezza del suo contado, dominata dalla vite e dall’olivo e costellata di chiesette rupestri. La cucina tipica, il mare di Casalabate e la vicinanza a Lecce completeranno un’offerta di notevole rilievo, lontano dalla confusione dei grandi centri turistici del Salento.







Mappa/Localizzazione

Vedi sul tuo navigatore!

Squinzano Per te

Popoloso centro del Salento settentrionale, Squinzano si caratterizza per la suggestività del suo centro storico e la bellezza del suo contado, dominata dalla vite e dall’olivo e costellata di chiesette rupestri. La cucina tipica, il mare di Casalabate e la vicinanza a Lecce completeranno un’offerta di notevole rilievo, lontano dalla confusione dei grandi centri turistici del Salento.