Localizzazione

  • Comune: Surbo
  • Provincia: Lecce
  • Indirizzo: Via G. Pisanelli, 23
  • Civico: 23
  • Telefono: 0832360811
  • Fax: 0832360828
  • E-mail: urp@comune.surbo.le.it
  • Web www.comune.surbo.le.it


Altre Informazioni

  • Siti Archeologici:
  • Localizzazione: Entroterra
  • Localita:
  • Surbo:

    Popoloso centro del Salento settentrionale, Surbo si caratterizza per la storicità del suo centro storico e la bellezza del suo contado, dominato dalla vite e dall’olivo e costellato di suggestive masserie fortificate. La buona cucina tipica, il mare non distante e la vicinanza a Lecce completeranno un’offerta di notevole rilievo, lontano dalla confusione dei grandi centri turistici del...

    Leggi tutto

    ... Salento. L’enclave di Lecce. Sebbene siano state rinvenute tracce della presenza dell'uomo in questi luoghi sin dall'Età del Bronzo, lo sviluppo di Surbo ha origine nel Medioevo. Il casale fu a lungo dominato da poteri religiosi e ordini monastici e solo in epoca moderna i feudatari laici cominciarono ad avvicendarsi in città. A partire dalla prima metà del Cinquecento si succedettero i Pirro delli Falconi, i Capece, i Pepe, i Severino di Pisignano, i Romano e i Patrizi. Una visita a Surbo comincia con l'itinerario delle chiese storiche, fra le quali le più importanti sono probabilmente la Chiesa di Santa Maria del Popolo e la Chiesa di San Vito. La prima, costruita in epoca medievale, è stata oggetto di numerosi interventi che l’hanno dotata anche di una torre dell'orologio, costruita nel 1586. La seconda, in origine intitolata a San Salvatore, fu eretta nella prima metà del Seicento e presenta una facciata suddivisa in due ordini, scandita da lesene ioniche e terminante con un timpano triangolare spezzato che accoglie la statua del Cristo benedicente. Interessanti sono anche le due chiese di San Giuseppe e di Maria SS. di Loreto, risalenti al Seicento, e l'ottocentesca Chiesa di San Pantaleone. Tra le costruzioni civili va annoverato il Palazzo Baronale, adiacente alla Chiesa di San Vito, della cui originaria struttura è rimasto il balcone sorretto da mensole da figure apotropaiche e lo stemma dei Pepe - Severino che sovrasta il portale d'ingresso. Un tuffo nelle campagne della Cupa. Il territorio di Surbo e di Giorgilorio è caratterizzato da pascoli, seminativo, distese di ulivo e numerose masserie. Tra le più interessanti vi sono Masseria Schiavelle, Masseria Melcarne e Masserie Barrera. Le ultime due sono anche importanti esempi di masserie fortificate. Masseria Melcarne, edificata tra Cinque e Seicento, è composta da una torre quadrangolare dotata di caditoie, intorno alla quale sono distribuiti gli ambienti destinati agli usi agricoli e due piccole torri colombaie a pianta quadrata. Masseria Barrera presenta un corpo di fabbrica risultato dall'affiancamento di due torri risalenti rispettivamente alla seconda metà del Quattrocento e alla prima metà del Settecento, entrambe provviste di caditoie in corrispondenza di porte e finestre. La vera particolarità del territorio di Surbo è però Torre dei Cavallari, realizzata nel Cinquecento nell'ambito di un sistema difensivo che comprendeva torri costiere e masserie fortificate. Dotata di una forma cilindrica leggermente rastremata verso l'alto, termina con un ballatoio e fu, con molta probabilità, sede di una guarnigione di guardie a cavallo che avevano il compito di controllare il territorio dalle incursioni turche.

    Chiudi

  • Descrizione Info Frazioni:

    La frazione di Giorgilorio. Centro di quasi 2.500 abitanti distante 1 km dal capoluogo comunale e 4 km da Lecce, è sorto a partire dagli anni Settanta del Novecento. Nelle pertinenze della frazione è sita la bellissima Chiesa di Santa Maria d'Aurio, la più antica testimonianza del casale medievale di Aurìo, scomparso tra i secc. XV e XVI. La chiesa, risalente al Basso Medioevo, è in stile romanico e presenta una facciata a capanna. L'interno è ripartito in tre navate, con colonne e capitelli richiamanti motivi floreali su cui si impostano archi acuti. Rimangono deboli tracce di affreschi, in particolare i resti di una raffigurazione della Madonna col Bambino, databile agli inizi del XV secolo.

  • Polizia Indirizzo: Via G. Pisanelli, 23
  • Polizia Telefono: 0832360829
  • Proloco Indirizzo: Largo Santa Maria del Popolo, 3
  • Proloco Telefono: 0832362836


Popoloso centro del Salento settentrionale, Surbo si caratterizza per la storicità del suo centro storico e la bellezza del suo contado, dominato dalla vite e dall’olivo e costellato di suggestive masserie fortificate. La buona cucina tipica, il mare non distante e la vicinanza a Lecce completeranno un’offerta di notevole rilievo, lontano dalla confusione dei grandi centri turistici del Salento.

La frazione di Giorgilorio. Centro di quasi 2.500 abitanti distante 1 km dal capoluogo comunale e 4 km da Lecce, è sorto a partire dagli anni Settanta del Novecento. Nelle pertinenze della frazione è sita la bellissima Chiesa di Santa Maria d'Aurio, la più antica testimonianza del casale medievale di Aurìo, scomparso tra i secc. XV e XVI. La chiesa, risalente al Basso Medioevo, è in stile romanico e presenta una facciata a capanna. L'interno è ripartito in tre navate, con colonne e capitelli richiamanti motivi floreali su cui si impostano archi acuti. Rimangono deboli tracce di affreschi, in particolare i resti di una raffigurazione della Madonna col Bambino, databile agli inizi del XV secolo.







Mappa/Localizzazione

Vedi sul tuo navigatore!

Surbo Per te

Popoloso centro del Salento settentrionale, Surbo si caratterizza per la storicità del suo centro storico e la bellezza del suo contado, dominato dalla vite e dall’olivo e costellato di suggestive masserie fortificate. La buona cucina tipica, il mare non distante e la vicinanza a Lecce completeranno un’offerta di notevole rilievo, lontano dalla confusione dei grandi centri turistici del Salento.